clicca sul "+" per avere maggiori informazioni

Sarnano

-Museo del Martello collezione “Sergio Masini”
Nel Museo è documenta la storia del martello nell'utilizzo quotidiano e nel lavoro artigianale e industriale. Sono esposti martelli in bronzo, cristallo, cuoio, pietra e rame, pelle, acciaio e altri materiali.
La collezione è stata donata al Comune nel 1993 e consta di 500 pezzi provenienti da 40 paesi e rappresentanti oltre 100 mestieri; si va dalla riproduzione del martello e della cazzuola dell' Anno Santo del 1975 usata da Papa Paolo VI per aprire la Porta Santa, sino ai martelli usati dagli agricoltori, dai boscaioli, dai calzolai, dagli esattori delle tasse, dagli speleologi, dai gioiellieri, dai tipografi, ed altri.
Indirizzo Via Giacomo Leopardi, 179
Telefono +39 0 733 659 923 (biblioteca comunale)
Proprietà: Comunale
-Museo dell’Avifauna delle Marche collezione “Brancadori”
Il Museo comprende circa 867 esemplari di uccelli imbalsamati appartenenti a specie ancora rinvenibili nell'area dei Sibillini e in quella più vasta dell'Appennino centrale. I reperti, recentementi sottoposti ad interventi di restauro, costituiscono una testimonianza della grande varietà della fauna ornitologica marchigiana.
Indirizzo Via Giacomo Leopardi, 179
Telefono +39 0 733 659 923 (biblioteca comunale)
Proprietà: Comunale
-Museo delle Armi
Il museo delle armi è nato nel 1988 grazie alla cessione della notevole collezione privata del sarnanese Dott. Mario Arrà e nel tempo si è arrichito grazie a varie donazioni. Sono presenti armi bianche di varie epoche e armi da fuoco, dai primi archibugi a miccia del XVI secolo sino alle armi moderne della prima metà del XX secolo, per un totale di circa 900 pezzi.
Indirizzo Via Giacomo Leopardi, 179
Telefono +39 0 733 659 923 (biblioteca comunale)
Proprietà: Comunale
-Museo “Mariano Gavasci”
Mariano Gavasci, nato a Sarnano ha studiato a roma all'Accademia di Belle Arti.
Egli esordì nel 1932 partecipando alle rassegne sindacali, alla Quadriennale d'anteguerra, alle mostre internazionali Coloniali di Roma e di Parigi. Nell'ultimo dopo guerra ha combinato la sua attività con la presenza in tutte le principali manifestazioni d'arte, tra cui le Quadriennali Romane, le mostre d'arte Sacra dell' Angelicum di Milano e di Roma (anno santo 1950) per invito. Alla I e II rassegna degli artisti Marchigiani a Roma (Palazzo delle Esposizioni). Sue opere figurano: alla Galleria d'Arte Moderna del Comune di Roma, al Senato della Repubblica, al Museo Coloniale, al Comune di Sabaudia, alla "Pro Civitate Christiana" di Assisi, al Comune di Sarnano, alla Collezione Gualino, presso Enti vari e presso privati estimatori. Si sono occupati della sua Arte critici dei più noti quotidiani e periodici.
Indirizzo Via Giacomo Leopardi, 179
Telefono +39 0 733 659 923 (biblioteca comunale)
Proprietà: Comunale
-Pinacoteca Comunale
Il nucleo principale della pinacoteca Civica di Sarnano è costituito dalle opere pervenute al Comune dal passaggio dei beni del convento dei Francescani e di altri conventi, per effetto della soppressione degli istituti religiosi a seguito del decreto Valerio del 1861. La Pinacoteca contiene opere d'arte molto importanti, tra cui la "Madonna Adorante il Bambino con Angeli Musicanti" di Vittore Crivelli (fine sec. XV), l''Ultima Cena" di Simone De Magistris (1607), "Santa Lucia" di Vincenzo Pagani del 1525 e due bellissime tele di I. Stern (inizi sec. XVIII), recentemente scoperte.
Indirizzo Via Giacomo Leopardi, 179
Telefono +39 0 733 659 923 (biblioteca comunale)
Proprietà: Comunale